Edizioni Proget fa uso di cookie. Proseguendo nella navigazione di questo sito tu acconsenti all'uso dei suddetti cookie. Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi al link dell'informativa Privacy.

Email

Professioni e finanza

PREZZO DI COPERTINA € 11,00 / SCONTO 10% € 9,90 compreso spedizione
Prezzo per unità (KG):
Prezzo di vendita: 9,90 €
Sconto: 1,10 €
professioni-finanza-fronte
  • professioni-finanza-fronte
Descrizione

DETTAGLI

Editore: Proget Edizioni

Autore: 

Pagine:

Lingua: Italiano

Anno edizione: 

Dimensioni: 

ISBN: 978-88-8875-36-3

PRESENTAZIONE

Crisi finanziaria
La crisi economico-finanziaria che stiamo vivendo si sta rivelando carica di insegnamenti per le professioni in generale, poiché tutte, secondo modalità diverse, ne sono toccate: quelle del settore economico e finanziario in modo speciale e specifico.

Cosa bisogna fare?
Nella crisi è fondamentale il momento della “metanoia” (cambiamento di mentalità e di vita) e del ri-orientamento complessivo dell’esistenza personale e collettiva.

Rispettare le regole
La globalizzazione poteva e doveva essere governata in maniera decisamente diversa. La deregulation: l’allergia per le regole si è subito accompagnata al cinismo di fare soldi coi soldi, senza alcuna remora e senza alcun ritegno morale. Deregolamentazione è la parola che ha spappolato processi, istituzioni e professioni, con ricadute moralmente gravi sulla vita delle persone.

Una rinnovata coscienza etica
Nella vita professionale la deregolamentazione apre la via maestra a una sola ragione: la ragione cinica. Secondo Emile Durkheim «non è possibile che una funzione sociale sussista senza una disciplina morale. Perché, in caso contrario, ci sarebbero soltanto gli appetiti individuali e, siccome essi sono per natura infiniti e insaziabili, se nulla li regola non potrebbero regolarsi da soli». La crisi in atto non fa altro che confermare questo giudizio sociale e morale. Serve una rinnovata coscienza etica delle professioni finanziarie.

Un nuovo umanesimo della responsabilità
Anzi, è tutta la nostra cultura che deve ripensarsi, altrimenti le professioni finanziarie si troveranno stritolate e impotenti. Il filo rosso che sottende i diversi interventi presenti in questo dossier, lascia intendere che l’orizzonte del cambiamento si chiama “nuovo umanesimo della responsabilità”. Si tratta di un orizzonte esigente, ma che ha la riserva di un futuro in grado di vedere coniugate la libertà e la regola, a ogni livello, tanto della vita professionale quanto di quella istituzionale. 

IN EVIDENZA

C. Passera,
Responsabili del benessere comune, per sviluppare crescita e fiducia

I. Musu,
È necessario un ridimensionamento del potere della finanza

F. Perrini,
I nvestimenti sostenibili: rendono meglio e fanno bene anche alla Borsa

A. Baranes,
Saper [di] contare: nuove regole, ma anche cittadini-risparmiatori consapevoli

R. Milano,
Voglia di etica nella finanza, ovvero, perseguire l’interesse di tutti

M. Visentin,
Educatore • Liberare la Scuola da un uso utilitaristico del Sapere

P. Balice,
Analista finanziario • Guardiano del mercato

M. Bufi,
Promotore finanziario • Massimo risultato: nel rispetto del risparmiatore

Consob,
Consumer Protector • La giusta tutela del cittadino-consumatore

PAROLE CHIAVE

Finanza, mercato, Borsa, Economia, cittadino-risparmiatore, responsabilità sociale, professioni finanziarie, promotore finanziario, analista finanziario, tutela del consumatore

INFORMAZIONI

Il Dossier “Professioni e Finanza” si trova in Rivista “Etica per le professioni” 1(2012) 3-78
Costi della Rivista EPP: • un numero: € 11,00 - arretrato: € 14,00
• abbonamento: ordinario: € 28,00 - istituzioni: € 54,00 - sostenitore: €100,00
PER ACQUISTARE COPIE Prendere contatti con PROGET EDIZIONI: 049 643195 • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Video

DETTAGLI

Editore: Proget Edizioni

Autore: 

Pagine:

Lingua: Italiano

Anno edizione: 

Dimensioni: 

ISBN: 978-88-8875-36-3

PRESENTAZIONE

Crisi finanziaria
La crisi economico-finanziaria che stiamo vivendo si sta rivelando carica di insegnamenti per le professioni in generale, poiché tutte, secondo modalità diverse, ne sono toccate: quelle del settore economico e finanziario in modo speciale e specifico.

Cosa bisogna fare?
Nella crisi è fondamentale il momento della “metanoia” (cambiamento di mentalità e di vita) e del ri-orientamento complessivo dell’esistenza personale e collettiva.

Rispettare le regole
La globalizzazione poteva e doveva essere governata in maniera decisamente diversa. La deregulation: l’allergia per le regole si è subito accompagnata al cinismo di fare soldi coi soldi, senza alcuna remora e senza alcun ritegno morale. Deregolamentazione è la parola che ha spappolato processi, istituzioni e professioni, con ricadute moralmente gravi sulla vita delle persone.

Una rinnovata coscienza etica
Nella vita professionale la deregolamentazione apre la via maestra a una sola ragione: la ragione cinica. Secondo Emile Durkheim «non è possibile che una funzione sociale sussista senza una disciplina morale. Perché, in caso contrario, ci sarebbero soltanto gli appetiti individuali e, siccome essi sono per natura infiniti e insaziabili, se nulla li regola non potrebbero regolarsi da soli». La crisi in atto non fa altro che confermare questo giudizio sociale e morale. Serve una rinnovata coscienza etica delle professioni finanziarie.

Un nuovo umanesimo della responsabilità
Anzi, è tutta la nostra cultura che deve ripensarsi, altrimenti le professioni finanziarie si troveranno stritolate e impotenti. Il filo rosso che sottende i diversi interventi presenti in questo dossier, lascia intendere che l’orizzonte del cambiamento si chiama “nuovo umanesimo della responsabilità”. Si tratta di un orizzonte esigente, ma che ha la riserva di un futuro in grado di vedere coniugate la libertà e la regola, a ogni livello, tanto della vita professionale quanto di quella istituzionale. 

IN EVIDENZA

C. Passera,
Responsabili del benessere comune, per sviluppare crescita e fiducia

I. Musu,
È necessario un ridimensionamento del potere della finanza

F. Perrini,
I nvestimenti sostenibili: rendono meglio e fanno bene anche alla Borsa

A. Baranes,
Saper [di] contare: nuove regole, ma anche cittadini-risparmiatori consapevoli

R. Milano,
Voglia di etica nella finanza, ovvero, perseguire l’interesse di tutti

M. Visentin,
Educatore • Liberare la Scuola da un uso utilitaristico del Sapere

P. Balice,
Analista finanziario • Guardiano del mercato

M. Bufi,
Promotore finanziario • Massimo risultato: nel rispetto del risparmiatore

Consob,
Consumer Protector • La giusta tutela del cittadino-consumatore

PAROLE CHIAVE

Finanza, mercato, Borsa, Economia, cittadino-risparmiatore, responsabilità sociale, professioni finanziarie, promotore finanziario, analista finanziario, tutela del consumatore

INFORMAZIONI

Il Dossier “Professioni e Finanza” si trova in Rivista “Etica per le professioni” 1(2012) 3-78
Costi della Rivista EPP: • un numero: € 11,00 - arretrato: € 14,00
• abbonamento: ordinario: € 28,00 - istituzioni: € 54,00 - sostenitore: €100,00
PER ACQUISTARE COPIE Prendere contatti con PROGET EDIZIONI: 049 643195 • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.