Edizioni Proget fa uso di cookie. Proseguendo nella navigazione di questo sito tu acconsenti all'uso dei suddetti cookie. Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi al link dell'informativa Privacy.

Email

San Simeone Stilita

PREZZO DI COPERTINA € 10,00 / SCONTO 10% € 9 compreso spedizione
Prezzo per unità (KG):
Prezzo di vendita: 9,00 €
Sconto: 1,00 €
san-simeone-stilita
  • san-simeone-stilita
Descrizione

DETTAGLI

Editore: Proget Edizioni

Autore: James Harpur 
traduzione e introduzione a cura di Francesca Diano

Lingua: Italiano

Anno edizione: 2017

ISBN: 978-88-94869-07-4

PRESENTAZIONE

… Simeone, che visse gran parte della sua vita su una colonna altissima, è anche l’uomo che cerca sé stesso, che scopre come non l’isolamento e la rinuncia al mondo siano la risposta, ma l’accogliere l’Altro dentro di sé.

AUTORE

James Harpur Nato in Gran Bretagna nel 1956 da genitori angloirlandesi, ma da molti anni si è trasferito a vivere nella Contea di Cork, a Clonakilty, in Irlanda. Ha pubblicato varie raccolte di testi poetici con la Anvil Press e recentemente con Carcanet. Come traduttore ha pubblicato una meravigliosa traduzione di Boezio, che ha intitolato Fortune’s Prisoner, oltre a traduzioni da Dante, da Virgilio, da Eschilo, da Plotino, ecc.

Fra i molti premi e riconoscimenti, nel 1995 ha ricevuto the British National Poetry Prize, borse dalla Cork Arts Society, dall’Arts Council, dall’Eric Gregory Trust e dalla Society of Authors. Nel 2009 ha vinto il Michael Hartnett Award. Nel 2012 ha pubblicato la quinta raccolta poetica, Angels and Harvesters, sempre con la Anvil Press. Nel 2016 ha vinto il prestigiosissimo Vincent Buckley Poetry Prize, assegnato ogni due anni dall’Università di Melbourne a un poeta di rilevanza internazionale. Nel 2017 torna, dopo lungo tempo, in Italia, ospite della Nona Edizione di Parola e Mistero - Premio San Sabino.

TRADUZIONE E INTRODUZIONE

a cura di Francesca DIANO, traduttrice e curatrice italiana del poeta J. Harpur.

SOMMARIO

James Harpur, attraverso la figura così bizzarra di Simeone Stilita, santo anacoreta, esplora l’eterno conflitto fra Natura e Spirito, tra negazione e affermazione, non solo come problema che attiene alla sfera del Sacro, ma anche come parte di quel percorso iniziatico che è la ricerca e la creazione poetica, oltre che umana. L’artista come mistico dunque, la cui via è sempre irta di dubbi, di deviazioni, di sofferenza. Simeone, che visse gran parte della sua vita su una colonna altissima, è anche l’uomo che cerca sé stesso, che scopre come non l’isolamento e la rinuncia al mondo siano la risposta, ma l’accogliere l’Altro dentro di sé, l’abbracciare il mondo in tutte le sue manifestazioni.

Il testo possiede la potenza narrativa di una Sacra Rappresentazione, o di un monologo teatrale. Il linguaggio poetico di Harpur, rutilante di luce e ombreggiato di chiaroscuri, la sua lingua splendidamente sapiente e ricchissima di sonorità ed echi mitici, classici, medievali, la sua sterminata cultura, fanno di questo poeta una delle figure più rilevanti e originali nel panorama internazionale. Parola e Mistero - Premio San Sabino, concorso di poesia religiosa-spirituale, ha avuto il grande onore di avere la sua presenza e la sua parola.

Francesca Diano, in questa prima traduzione italiana in assoluto, riesce a rendere in modo eccellente la bellezza e l’originalità del linguaggio di Harpur mantenendo, allo stesso tempo, la massima fedeltà al testo originale.

DESTIANTARI

Quanti amano la poesia, il silenzio, le parole, il mistero.

INFORMAZIONI

Prendere contatti con PROGET EDIZIONI: 049 643195 • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Video

DETTAGLI

Editore: Proget Edizioni

Autore: James Harpur 
traduzione e introduzione a cura di Francesca Diano

Lingua: Italiano

Anno edizione: 2017

ISBN: 978-88-94869-07-4

PRESENTAZIONE

… Simeone, che visse gran parte della sua vita su una colonna altissima, è anche l’uomo che cerca sé stesso, che scopre come non l’isolamento e la rinuncia al mondo siano la risposta, ma l’accogliere l’Altro dentro di sé.

AUTORE

James Harpur Nato in Gran Bretagna nel 1956 da genitori angloirlandesi, ma da molti anni si è trasferito a vivere nella Contea di Cork, a Clonakilty, in Irlanda. Ha pubblicato varie raccolte di testi poetici con la Anvil Press e recentemente con Carcanet. Come traduttore ha pubblicato una meravigliosa traduzione di Boezio, che ha intitolato Fortune’s Prisoner, oltre a traduzioni da Dante, da Virgilio, da Eschilo, da Plotino, ecc.

Fra i molti premi e riconoscimenti, nel 1995 ha ricevuto the British National Poetry Prize, borse dalla Cork Arts Society, dall’Arts Council, dall’Eric Gregory Trust e dalla Society of Authors. Nel 2009 ha vinto il Michael Hartnett Award. Nel 2012 ha pubblicato la quinta raccolta poetica, Angels and Harvesters, sempre con la Anvil Press. Nel 2016 ha vinto il prestigiosissimo Vincent Buckley Poetry Prize, assegnato ogni due anni dall’Università di Melbourne a un poeta di rilevanza internazionale. Nel 2017 torna, dopo lungo tempo, in Italia, ospite della Nona Edizione di Parola e Mistero - Premio San Sabino.

TRADUZIONE E INTRODUZIONE

a cura di Francesca DIANO, traduttrice e curatrice italiana del poeta J. Harpur.

SOMMARIO

James Harpur, attraverso la figura così bizzarra di Simeone Stilita, santo anacoreta, esplora l’eterno conflitto fra Natura e Spirito, tra negazione e affermazione, non solo come problema che attiene alla sfera del Sacro, ma anche come parte di quel percorso iniziatico che è la ricerca e la creazione poetica, oltre che umana. L’artista come mistico dunque, la cui via è sempre irta di dubbi, di deviazioni, di sofferenza. Simeone, che visse gran parte della sua vita su una colonna altissima, è anche l’uomo che cerca sé stesso, che scopre come non l’isolamento e la rinuncia al mondo siano la risposta, ma l’accogliere l’Altro dentro di sé, l’abbracciare il mondo in tutte le sue manifestazioni.

Il testo possiede la potenza narrativa di una Sacra Rappresentazione, o di un monologo teatrale. Il linguaggio poetico di Harpur, rutilante di luce e ombreggiato di chiaroscuri, la sua lingua splendidamente sapiente e ricchissima di sonorità ed echi mitici, classici, medievali, la sua sterminata cultura, fanno di questo poeta una delle figure più rilevanti e originali nel panorama internazionale. Parola e Mistero - Premio San Sabino, concorso di poesia religiosa-spirituale, ha avuto il grande onore di avere la sua presenza e la sua parola.

Francesca Diano, in questa prima traduzione italiana in assoluto, riesce a rendere in modo eccellente la bellezza e l’originalità del linguaggio di Harpur mantenendo, allo stesso tempo, la massima fedeltà al testo originale.

DESTIANTARI

Quanti amano la poesia, il silenzio, le parole, il mistero.

INFORMAZIONI

Prendere contatti con PROGET EDIZIONI: 049 643195 • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.